L'OSCE ospite a Basilea

Quando, il 4 e 5 dicembre prossimi, a Basilea si riunirà il Consiglio dei ministri dell'OSCE, a cui prendono parte circa 1.200 delegati provenienti da 57 Stati, gli occhi di tutto il mondo saranno puntati sulla città situata sull'ansa del Reno. Basilea avrà l'opportunità di presentarsi al mondo intero nella sua veste di attraente e interessante città della cultura, sede inoltre di congressi, manifestazioni ed eventi.

Nel mese di dicembre 2014, gli occhi di tutto il mondo saranno puntati su Basilea: è qui, infatti, che si terrà la riunione del Consiglio dei ministri dell'Organizzazione per la sicurezza e la collaborazione in Europa (OSCE). A questo grande evento, che si svolgerà il 4 e il 5 dicembre, parteciperanno circa 1.200 membri delle delegazioni di 57 Stati, tra cui anche numerosi ministri degli affari esteri e circa 200 giornalisti internazionali.

Nella primavera del 2012, il Conference Center Basel ha presentato la sua candidatura per ospitare la riunione del Consiglio dei ministri dell'OSCE del 2014. Il 21 settembre 2012, il Consiglio federale ha scelto Basilea quale sede dell'evento. Sotto l'aspetto contenutistico, la responsabilità del Consiglio dei ministri spetta all'OSCE che nel 2014 viene presieduta dalla Svizzera. Tuttavia, l'approntamento delle infrastrutture per la conferenza e la sicurezza competono alla città ospitante di Basilea. Il Consiglio dei ministri ha affidato la direzione al Dipartimento presidenziale e la responsabilità per la sicurezza al Dipartimento di giustizia e sicurezza.

Caratterizzazione del profilo di città sede di congressi a livello internazionale

Basilea coglie questa grande opportunità di mostrare il suo lato migliore agli occhi del mondo intero e ai membri della delegazione che ospiterà. La Conferenza del Consiglio dei ministri dell'OSCE conferirà a Basilea grande prestigio internazionale, ponendola al centro dell'attenzione dei media. Basilea confida nell'accrescimento della sua fama a livello internazionale, nella caratterizzazione definitiva del suo profilo di città sede di manifestazioni, eventi e congressi a livello mondiale e nella sua affermazione quale città della cultura e del Natale. Inoltre, quale città ospitante, Basilea può contribuire attivamente alla promozione internazionale della democrazia, dei diritti umani, dello Stato di diritto, della sicurezza e della pace, con conseguente effetto positivo sull'immagine internazionale della località.

Basilea possiede il know-how necessario per ospitare questa importante manifestazione: con le fiere internazionali "Art Basel“ e "Baselworld“, la città è regolarmente sede di eventi di levatura internazionale, che organizza in modo impeccabile e anche in occasione dei Campionati europei di calcio che si sono tenuti nel 2008, ha dimostrato di essere un ospite ineccepibile.

Cordiale accoglienza a Basilea

I partecipanti al Congresso dell'OSCE a Basilea dovranno essere calorosamente ricevuti con una "campagna di benvenuto" organizzata e diretta dal Dipartimento di relazioni esterne e marketing territoriale (Abteilung Aussenbeziehungen und Standortmarketing), in stretta collaborazione con diversi partner di Basilea (tra cui Basel Tourismus, Gewerbe, Gastronomie, Hotellerie, MCH Group AG, BVB) mentre al congresso stesso dovrà essere conferita la totale visibilità nell'ambito della città ospitante di Basilea. Sono in programma, tra l’altro, welcome-desk, una presenza nel Congress Center Basel, un programma culturale e programmi collaterali per i delegati OSCE, l'imbandieramento della città e una campagna di comunicazione.

L'OSCE

L'OSCE (Organizzazione per la sicurezza e la collaborazione in Europa), con sede a Vienna, è stata istituita nel 1975 col nome di CSCE (Conferenza per la sicurezza e la collaborazione in Europa). Nel 1992, l'OSCE è stata riconosciuta quale accordo regionale ai sensi del Capitolo VIII della Carta delle Nazioni Unite. Le sue attività si concentrano sulla diplomazia preventiva, la prevenzione dei conflitti e la gestione delle crisi oltre che sulla ricostituzione e il rafforzamento delle strutture sociali democratiche dopo un conflitto. In tal modo l'OCSE contribuisce attivamente alla promozione della democrazia, dei diritti dell'uomo e dello Stato di diritto. L'OCSE conta 57 Stati partecipanti tra i quali, dal 1975, la Svizzera.